Pablo Ruiz Picasso, The Blue Coast in the moonlight

Del periodo blu (Azul y), colore scelto da Picasso non solo per la sua forza espressiva, ma per la valenza psicologica che gli permetteva di andare oltre alla naturalistica descrizione.

La costa alata al chiaro di luna

Artista: Pablo Ruiz Picasso, titolo: La Costa “Alata” al chiaro di luna, tecnica: olio su tavoletta ricurva, misure: 14,7 x 19,9 cm, datazione: 1901-1904, periodo blu, Collezione privata.

Pablo Ruíz y Picasso , nasce a Málaga il 25 ottobre 1881, fin da fanciullo nelle mura domestiche riceve le basi del disegno e pittura, era mancino come Leonardo da Vinci, studia ogni tecnica, segue da vicino il lavoro del padre José Ruiz Blasco, conservatore del locale Museo, professore di disegno alla scuola provinciale di arti e mestieri, abbozza scene, passando poi allo“studio dal vero”.

La famiglia Ruiz nel 1891 si trasferisce nella città di A Coruña, in Galizia, Spagna, per un impegno del padre nell’Istituto d’Arte, Picasso si iscrive ai corsi di disegno, a partire dal 1892, progetta e illustra una rivista, lo contraddistingue lo stile arcaico, la tecnica primordiale essenziale e il chiaro-scuro, esegue i primi lavori artistici: Due vecchi e Ragazza con i piedi nudi, La torre de Hercules, un faro di origine romana sulla penisola della città di A Coruña, il più antico faro esistente al mondo – Un tema fiabesco, un istante senza tempo…

Torre di Hercules, A Coruña opera-fotografia

Alla fine dell’800 l’arte si muove entro coordinate, riconducibili alla teosofia di Helena Petrovna Blavatsky (1831 – 1891), energie che possono sollevare al celeste o abbassare al demoniaco, considerando ad esempio la distanza che intercorre tra la perdita della coscienza propria del Baccanale orgiastico e l’orazione. Un giornale londinese scrisse in merito le opere di Picasso “questi quadri provengono dall’officina di Satana”.

Nel Giugno 1895, impara la tecnica dell’incisione, prosegue la sua formazione classica alla Scuola di Belle Arti di Barcellona, e quella di Madrid, passando per l’epoca in cui entra a far parte del circolo Modernista de Els 4 Gats, espone a Barcellona il quadro “La prima comunione”.

Dopo la morte del suo caro amico Casagemas (1901), suicida a causa di un amore non corrisposto con la modella Germaine Pichot (in seguito raffigurata in Les Demoiselles d’Avignon), promuove il “periodo blu” (1901 – 1904), la pittura monocromatica, dai toni freddi per esprime il valore emozionale, la profondità della psiche, i temi della povertà, l’ abbandono, la sofferenza interiore i mendicanti le prostitute… in particolare i quadri: Death of Casagemas, Paris, Picasso Museum, La camera blu – The Phillips Collection, Washington, un dipinto enigmatico, composto da una donna nuda ispirata a Degas, un poster di Toulouse-Lautrec appeso al muro e un quadro col mare di Barcellona, mentre la stanza sembra quella di Van Gogh…

Il colore blu non comunica solo sofferenza , ma anche eccitazione erotica, nell’iconografia antica è associato al divino e nel romanticismo al fiore azzurro.

Nel 1904, si trasferisce definitivamente a Parigi, nel quartiere di Montmartre al Bateau-Lavoir in Rue Ravignan, dove frequenta G. Apollinaire e H. Matisse, il colore blu viene sostituito dalle tonalità più brillanti, pastello grigio-rosa, rosso, ocra, “periodo rosa”, pur esprimendo una lieve melancolia (Ritratto di Gertrude Stein, 1906, New York, Metropolitan Museum).

Un ricordo d’infanzia collega la torre di Hercules dipinta nel 1895, anno in cui muore la sorella Conchita…

L’albero della vita, che si erge al centro simbolo dell’Universo, costituisce il punto di intersezione di Cielo, Terra, Inferno, allegoria presente in tutte le grandi civiltà, da quelle mesopotamiche all’Egitto, dall’India alla Cina, dalla Grecia a Roma, per assumere nella tradizione giudaico-cristiana la valenza salvifica legata alla Croce.

Le forme decorate e il simbolismo sono alla base della pittura di Picasso, le sue creazioni sono da ritenersi un autentico stile d’Avanguardia, se osserviamo il dipinto ruotato di 90 gradi antiorario, delinea un modello femminile simile al Ritratto di Sylvette David, 1954 – Sylvette è il titolo di un ritratto dipinto di Pablo Picasso, che rappresenta una giovane donna con i capelli raccolti e la coda di cavallo – Picasso muse Sylvette video.

Support for painting curved table

Ritratto di Olga khokhlova

 

Ritratto di Olga khokhlova

Artista: Pablo Ruiz Picasso, titolo: Ritratto di Olga Khokhlova, (Ol’ga Stepanivna Khochlova Nižyn, 17 giugno 1891 – Cannes, 11 febbraio 1955), tecnica: olio e tempera su cartoncino, misure: 19,5 x 28,5 cm, datazione: 1917-1923, Collezione privata.

Fotografia Olga khokhlova

Il dipinto raffigura la prima moglie di Pablo Picasso, coincide con il disegno Portrait of Olga,1923, si osserva il “ritorno” al classicismo europeo, la linea dinamica e vigorosa …

Post progressive

© copyright 2018 – Paesaggidellanima.com – galleriedavinci.wordpress.com – All rights reserved

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close